[AUTORICONOSCIMENTO]

premio bando 30 anni aspic2.jpg

Oggi Facebook mi ricorda che un anno fà ero al Convegno annuale della Reico (ass. professionale di Counseling).

Per me non è stato un semplice convegno: in quei giorni ho parlato di stereotipi e discriminazione di genere ed ho ricevuto un premio per il miglior progetto di counseling.

Oggi scelgo di lasciare libero il mio ego, mi permetto di “tirarmela un pò”, perchè ritengo giusto riconoscersi dei meriti.

Ho colto l’opportunità di fornire ai miei colleghi strumenti per accogliere donne e uomini vittime di violenza, mi sento fiera del percorso empowerment ideato per l’ass. Donne Intrecci e con la quale lo porto nelle PPAA.

Da domani ritornerò all’umiltà ed alla continua voglia di imparare e crescere che mi contraddistingue.

stereotipi discriminazioni deborahdemey counseling percorsiempowerment

Uomini liberi dalla violenza

uomini liberi dalla violenzaUomo maltrattante, chi è, qual’è il suo profilo, come riconoscerlo?
E’ un uomo comune, insospettabile, non ha un’estrazione sociale specifica, è di qualsiasi grado d’istruzione, spesso ha un’istruzione superiore, ha qualiasi età, non soffre di disturbi psichiatrici, aderisce a modelli culturali tradizionali.

Come si comporta rispetto alla violenza?
Nega o minimizza la gravità del suo atto, per lui la colpa è sempre della donna o da fattori esterni. Lui dice che ha “semplicemente” perso il controllo.
Si giustifica negando, spesso dice: non sono stato io, non sono la persona che usa violenza contro le donne. Non ricorda d’aver fatto del male, nega d’aver fatto male. Si giustifica dicendo che è stato provocato, perchè lei ha speso troppo, non ha cucinato bene, parla troppo, lo fa ingelosire e lo fa apposta, gli mette i figli contro, lo stressa.

La violenza domestica segue un escalation, si chiama ciclo della violenza, che porta ad intensificare sempre più il grado di violenza fino ad arrivare al femminicidio.

E’ possibile uscire la violenza. Decidendo di cambiare, attraverso un percorso di consapevolezza, avendo la volontà di accettare che oggi la violenza è un modo che hai di di esprimerti e quindi di voler trovare modi diversi di espressione del tuo sentire.

Il counseling è uno strumento che può aiutare a liberarsi dalla violenza. Gli anni di volontariato in un centro antiviolenza oggi mi aiutano ad accogliere l’uomo che ha deciso di voler cambiare per vivere meglio, perchè ama veramente la sua compagna/moglie, ama i suoi figli e vuole essere un uomo diverso anche per loro.

Se ti riconosci nelle descrizioni o in qualche situazione della ruota allora , insieme possiamo farne molti altri.ruota violenza

Curioso paradosso: se voglio bene alla mia ciccia posso riuscire a eliminarla

Sto promuovendo la seconda edizione del percorso sul rapporto con il cibo e con il proprio corpo “Mi vedo, mi amo, mi nutro” e sto pensando: da quando abbiamImmagineo deciso che l’essere felici dipende non più da come ci sentiamo dentro ma da come siamo fuori? E’ veramente questo quello che crediamo? E’ un pò come se diventando magre e magri tutti i nostri problemi sparissero, le nostre difficoltà svanissero nel nulla come con una bacchetta magica. E’ proprio così? E se invece imparassimo a gestire le emozioni che ci portano a mangiare male, oppure tornassimo ad amarci di nuovo. Una donna, un uomo possono sentirsi belli al di là della magrezza? Io credo di si, anche attraverso un viaggio nell’accettazione di sè ed eventualmente imparando un miglior stile di vita.
#percorsocounseling #mivedomiamominutro #autostima #fiduciainsestessi Continua a leggere “Curioso paradosso: se voglio bene alla mia ciccia posso riuscire a eliminarla”

Cosa fa una counselor?

Immagina di chiedermi: “cosa fa una counselarisaor?” Ti posso rispondere con una canzone… Questa canzone.
“Io sono qui Per ascoltare un sogno Non parlerò Se non ne avrai bisogno Ma ci sarò Perché così mi sento Accanto a te”, si ci sono per ascoltarti senza giudizio e nell’accettazione incondizionata di te, così come sei.
“Risolverò Magari poco o niente Ma ci sarò E questo è l’importante”, potrebbe essere perchè il nostro percorso può durare dai 10 ai 12 incontri, lavoreremo su obiettivi, non posso aiutarti nelle ferite del passato, posso aiutarti ad affrontare l’oggi.
“Acqua sarò Che spegnerà un momento Accanto a te
Viaggiando controvento”, si perchè avrai l’opportunità di fare, forse per la prima volta, nuove esperienze, arriveranno nuove idee che mai avresti pensato.
Continua a leggere “Cosa fa una counselor?”